Flavio Favelli, Serie Imperiale

Serie Imperiale è un progetto dell’artista Flavio Favelli a cura di Elisa Del Prete e Silvia Litardi promosso dall’associazione culturale Nosadella.due su commissione pubblica della Fondazione Rocca dei Bentivoglio (Valsamoggia, Bologna), vincitore della seconda edizione di Italian Council 2017, ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane (DGAAP) – Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.

Sabato 24 marzo 2018 alle ore 18.00 saranno presentati al pubblico i due wall painting site specific del progetto Serie Imperiale. Le opere sono realizzate in due luoghi simbolo del centro di Bazzano, la Casa del Popolo e la ex miniCoop, e si inseriscono nella vita e nella cultura emiliana quale prima opera dell’artista per il territorio in cui vive e lavora da più di quindici anni. 

Le due opere site specific di Serie Imperiale, presso la Casa del Popolo e la ex miniCoop a Bazzano, rientrano in una pratica che Favelli sta recentemente esplorando, quella dei murali in esterno e in interno.
I soggetti dipinti in due ambienti differenti, anche se parte di un unico complesso architettonico, raccontano uno stato di passaggio che parla di una trasformazione in corso non solo di due spazi, ma di un tessuto sociale, culturale e commerciale, oltre che urbanistico, dove impegno politico, impresa cooperativa e socialità sono chiamati ad interrogarsi sul proprio presente e futuro. Nel porsi in relazione ai due luoghi, Favelli ha prima di tutto scelto di uscire dagli spazi convenzionali dell’esposizione artistica, e di realizzare due opere su muro in luoghi carichi di immagini e storia.

Il soggetto scelto dall’artista per i due wall painting riprende la bizzarra iconografia di due francobolli storici del Regno d’Italia appartenenti alla serie “Imperiale” emessa dal 1929 e in uso fino al 1946, su cui era rappresentato il volto di Vittorio Emanuele III con una ulteriore sovrastampa.

Il timbro era necessario a decretare un diverso stato di appartenenza del francobollo, e qui in particolare quello della “Repubblica Sociale Italiana”, e di “Zara”, occupazione tedesca dopo l’8 settembre 1943.
Favelli riproduce su muro l’effige del sovrano come originariamente figurata sui francobolli storici, portando una riflessione sulle immagini e sui segni di un periodo molto preciso della storia d’Italia, che rappresenta ancora un capitolo sensibile e problematico per il nostro paese.

Al tempo stesso le immagini che l’artista ha scelto provengono da una sua raccolta di oggetti recuperati e trovati, che si compone, oltre che di francobolli, di oggetti semplici, d’arredo e uso comune, di mobilia, suppellettili, insegne, ovvero di tutto ciò che riporta alla sua memoria immagini personali. I suoi assemblaggi, collage e sculture sono caratterizzati da documenti, oggetti e frammenti legati alla quotidianità e alla propria vicenda biografica che l’artista riconfigura in nuove immagini poetiche e visionarie.

Dalla stratificazione storica a quella paesaggistica, a quella personale, l’intervento di Favelli si innesta quindi in un contesto più ampio, che ha a che fare con la vitalità di un paesaggio anch’esso stratificato, collocandosi nel vecchio quartiere operaio di Bazzano, tra i centri che hanno dato vita al più grande comune fuso d’Italia, Valsamoggia.

Dopo questa prima fase denominata pittura, nell’arco del 2018 il progetto attraverserà altre due fasi operative distinte denominate strappo e otturazione, che daranno origine a un’opera composita su più supporti, metafora dello stratificarsi della storia italiana cui l’opera fa riferimento.

La fase successiva dello strappo, a cura del Laboratorio di restauro Camillo Tarozzi, consisterà, dopo il 3 giugno (termine ultimo per vedere la mostra e le due opere murali), nel processo di trasposizione su tela dei due dipinti, e nella trasformazione delle due opere in un dittico. Lo strappo, solitamente atto alla preservazione di un’opera storica, è stato qui pensato e deciso ancora prima che l’opera fosse stata realizzata, rendendo “mobili” le due pitture originariamente pensate per i due ambienti.

L’otturazione, infine, sarà l’ultima fase del processo. Asportati i due quadri dai muri della ex miniCoop e della Casa del Popolo, Favelli si prenderà cura dei due “buchi” generati dalla rimozione dei dipinti “riempiendo” i negativi con nuovo intonaco. Un semplice gesto di stuccatura e rattoppo, che lascerà traccia del processo rievocando di nuovo la presenza dell’opera.
L’operazione artistica al grado zero dell’otturazione coincide qui con l’origine stessa dell’atto artistico: occuparsi di due buchi – dice Favelli – in due luoghi considerati “squallidi”, pone l’accento sul fatto che l’artista ha un punto di vista differente, vede il bello dove di solito il costume del suo tempo non lo vede perché è un bello che passa per il pensiero e quindi diverso.

A completamento di queste tre fasi la documentazione fotografica in VR, a opera della startup bolognese DeyeVR, renderà infine virtualmente perpetua l’esperienza dell’installazione e dei siti che l’hanno ospitata, accompagnando l’opera-dittico su tela in tutte le sue future esposizioni.

L’intero progetto sarà accompagnato dalla produzione di un catalogo.

I due wall painting di Serie Imperiali saranno visibili al pubblico gratuitamente nei rispettivi siti (Casa del Popolo ed ex miniCoop) fino al 3 giugno 2018 ogni weekend (sabato e domenica 9.30 – 12.30, in occasione delle visite guidate e su appuntamento).
Per tutto l’anno il progetto sarà accompagnato da un ricco programma di appuntamenti: visite guidate, percorsi didattici per le scuole, laboratori aperti al pubblico, oltre a incontri con l’artista dedicati all’approfondimento dell’opera.

Annunci

Via Guerrazzi 21

Flavio Favelli. Via Guerrazzi 21
2 – 3- 4 febbraio 2018 | opera ambiente
venerdì e domenica ore 16 – 20, sabato ore 16 – 22, ingresso gratuito

Non c’è posto più fantasmatico di Via Guerrazzi 21.
Ho vissuto ventisette anni fra il primo e secondo piano in tre appartamenti di questo palazzo. Sono venuto qui nel 1974. Mettendo insieme tantissimi momenti direi che alla fine ho passato qualche settimana della mia vita a guardare il giardino interno, le palme a volte con la neve, i fiori del Calicanto e quelli della Magnolia sempreverde.
Via Guerrazzi 21, insieme alla casa di Pavana, è il luogo dove si sono consumate tutte le faccende della mia famiglia, una grande opera letteraria, dove sono stato un personaggio centrale; in fondo con me finisce tutta la storia. Figlio unico e da dieci anni tutore, quasi a difendere e custodire poeticamente e legalmente tutta questa roba.
Roba perché quello che rimane sono mobili, immobili, oggetti ed immagini di una vicenda infinita. All’ultimo piano delle scale ripide e buie, ora tinteggiate da un colore da Soprintendenza, non mi avventuravo mai perché abitava una strana persona, elegante e distinta, sempre con gli occhiali scuri anche se era buio; il Signor B. era invertito come ammoniva mia nonna Tosca. Nell’altro appartamento abitavano le Signorine S. due sorelle anziane quasi invisibili di Palermo che contribuivano al silenzio e all’idea che l’eccezione confermava la regola: in centro a Bologna ci abitavano i bolognesi.
Il primo grande appartamento aveva i pianciti con la veneziana e i soffitti altissimi, uno era affrescato e mio padre aveva messo due faretti colorati uno giallo e uno blu su un ripiano sopra lo stipite della porta, a smalto lucido avorio, per dare un effetto scenografico. Una volta mia madre fece un pranzo per cinque dei mie compagni della scuola media, anche se non ne capii mai il motivo. Da bere c’era spremuta fresca servita in una brocca-thermos con l’interno in vetro e l’esterno in sughero, lavorata e argentata.
Prima di versare mia madre mescolò per un’ultima volta e il vetro scoppiò, un vetro quasi specchio, marezzato con riflessi ottone. Una volta il nonno Carlo, marito di Tosca, mi rimproverò perchè stavo mescolando il tè in senso antiorario.
Non si mescola al contrario! mi riprese.
Tutto aveva un verso e un posto per lui, i piloni del mondo si reggevano con la precisa applicazione delle giuste regole fra cui mescolare in senso orario. Regole chiare di differenti provenienza: buone maniere, buon gusto, superstizione, Civiltà Cattolica e usanze borghesi. Restai sempre col dubbio che mia madre quella volta mescolò in senso contrario, in modo invertito.